Dal 1 al 31 luglio  tornano le Notti dell’archeologia, appuntamento promosso dalla Regione Toscana e molto atteso da un vasto pubblico: l’iniziativa su scala regionale comprende aperture straordinarie serali e notturne, eventi dedicati nei musei, aree e parchi archeologici della Toscana.

Nell’ambito della rassegna, a Subbiano giovedì 5 luglio alle 21:15 l’Ecomuseo del Casentino, il Comune di Subbiano ed il gruppo archeologico “Giano” presentano

“Ardente drago d’oriente”, aboratorio per bambini per avvicinare i più piccoli, attraverso una modalità ludica e intrigante, alla fruizione museale partendo dalla narrazione fantastica, il cui protagonista principale è il reperto archeologico, una fibula a dragone del VII sec. a.C., rinvenuto insieme a numerosi altri oggetti di corredo in una tomba romana del I sec. d.C. A seguire, degustazione di prodotti locali a cura del Biodistretto del Casentino e visita guidata all’esposizione archeologica. L?ingresso è gratuito e l’evento è accessibile ai disabili

Questa diciottesima edizione delle notti dell’archeologia ha come filo conduttore  “Eroi e miti dell’antichità”, la figura che incarna i valori fondanti di una cultura e ne rappresentano l’ideale di comportamento, nella testimonianza delle virtù più significative e simboliche, popolando così le rappresentazioni delle culture dell’antichità nell’arte, nella letteratura, nel teatro, nella religione, nella vita civile e quotidiana.

La sfida è sicuramente quella di allargare l’interesse su questi temi, infatti il ricco programma è rivolto ad un   pubblico di tutte le età, e gli orari di svolgimento saranno diversificati per andare incontro alle varie esigenze, comprendendo anche   occasioni dedicate al pubblico dei diversamente abili. Per vedere tutto il programma è on line il sito internet www.regione.toscana.it/nottidellarcheologia

Poppi, 04 luglio 2018.

Unione dei Comuni Montani del Casentino – Ufficio Stampa (334-6520531)

Continua la lettura